Passa ai contenuti principali

Volevo solo cambiare il mondo

Il mio desiderio più grande, fin da quando ero un cacio alto e poco più del soldo, fu quello di cambiare il mondo.
"Che pretese, bambina" diceva la maestra, "ei fu" Elena, una donna brutta ed antipatica che di materno non aveva neanche la vecchiaia.
Anziana.
Era un'insegnante secca, verde in testa e con le mani macchiate dal tempo e mi odiava.
Letteralmente.
Perché avevo cuore e sensibilità e nei temi volevo cambiare il mondo.
"Voglio cambiare il mondo!" - "Che assurdità!"
Rabboniva la professoressa Silvana che mi definì problematica in quel tema Kafkiano, avendo io, la ragazzina che voleva cambiare il mondo e ci provava con le uniche cose a sua disposizione per la tenera età, parole e ragionamento, paragonando una parte della sua interiorità sofferente ad uno scarafaggio.
Furono chiamati i miei genitori.
Si scomodò papà.
Antonio, atteso da una capannella di professori silenti, lasciò che parlasse.
Dopo, nel tempo di un sospiro, la raggeló, con una Muratti tra le dita, epoca dove nell'atrio di una scuola si poteva ancora fumare, ed una mano nella tasca dei suoi pantaloni a costine di velluto blu.
"Mia figlia" ( che altisonanza già dal possessivo pronunciato, fermo e senza tremore ) "vuole cambiare il mondo, lei apprenda e glielo lasci fare".
Tacquero tutti, anche i presenti.
Tranne io che sbuffando dissi: "Adesso andiamo, voglio un gelato, prima di cambiare il mondo!"
"Volevo cambiare il mondo".
Nelle occupazioni, con gli scioperi ed i baci dati di nascosto nel campetto di calcio sopra il liceo classico della città.
Con i Mak-p organizzati e le amicizie mai dimenticate.
"Volevo cambiare il mondo" da matricola per una laurea che mi avrebbe portato a fare il diplomatico...
Poi ho smesso di desiderare di "voler cambiare il mondo" ma so che il mondo non è riuscito a cambiare me.
Ed allora continuo e scrivo.
Per mestiere.
Credo sempre che con le mie parole potrei cambiare un'infinitesimale parte di mondo.

Commenti

Post popolari in questo blog

Una telefonata sopra le righe

Ho sempre creduto che conservare un po' di tempo passato sia un investimento per il presente. I momenti felici ci ricordano che ogni notte si scioglie nell'alba.
Oggi, tenendo viva la cronologia delle mie rimembranze gioiose faccio tanti salti indietro per ricordarmi della sera prima del 6 Gennaio.
Eh si, ritornare con la mente alla comune notte della Befana per il mondo tutto o quasi, un'aspettativa gaudente per chi come me viveva l'attesa della preparazione.
A casa mia non esisteva la simpatica vecchina che su una scopa portava i regali, ma era degnamente sostituita da suo nipote, il noto Roccacannuccia.
Adesso non chiedetemi perché, ma siamo vissuti insieme a mio fratello, con la telefonata il 5 gennaio, a questo fantomatico ragazzo che, forte della sua età, secondo mio padre Antonio, portava i regali più grandi, perché poi la signora vestita che Enzo Miccio l'avrebbe bandita da tutti i regni, su quella "Pippo" di plastica, al massimo poteva distribui…

Adesso ti racconto Gennaio

Adesso ti racconto di Gennaio.


Sono triste, troppo stanca per permettermi ancora di esserlo, oppressa dai pensieri emotivi che anche stavolta fanno capolineo come un treno che deraglia sapendo di non avere i freni.
Mi torna sempre alla mente Gennaio, il suo freddo, la neve, il gelo, tutto tipico di una stagione che si chiama  inverno ma chissà perchè fatichiamo ad accettare l'evidenza quando essa ci procura sofferenza e disagio.
Vorrei camminare per raccontarti di questo primo del mese, apertura di porta di un anno che verrà...
ma non posso, il clima polare non permette alla mia debole pelle di sopportare un passo, forse due.

-Due passi e poi torni da me!
- Già, due passi, due...

Ho sempre pensato che passeggiare sia chiarezza per quei pensieri troppo confusi in un mare di infinite possibilità che faticano a riordinarsi.
Ma non ce la faccio ed allora rimango ferma mentre la mia anima corre in una distesa di vuoto infinito.

Adesso ti racconto Gennaio,
ma prima guardo fuori dalla finestra e c…

L'unica scelta che hai sei tu

Ciò che mi complica la vita è l'incapacità strutturale di chiedere aiuto.
E non è per niente una bella cosa,  che questo: "Me la so cavare sempre da sola", ti relega ad una solitudine interiore (con gli altri sei giullare di corte, sempre di compagnia, pronta a farli ridere) che neanche Freud se ne prenderebbe in carico, talmente granitica e questa forma di masochismo intrinseco nel sé.
Non so da cosa nasca, sicuro alimentata da tutte quelle volte in cui, veramente in difficoltà, ho respirato il vuoto e visto che amazzone ci sono nata, ho serrato il cavallo, indossato gli stivali ed ho iniziato a frustrarmi "metaforicamente" sul culo, per alzarmi dal pavimento sul quale mi ero adagiata.
Nel lamentarmi mi annoio e piangere mi capita solo quando ammazzano lo squalo nei suoi quattro film.

- Che, in verità, tifo sempre per lui -

Solo che certe volte mi sento "un po'stanchina" e Forrest sulla panchina con me non c'è e neanche la sua scatola di cioc…